Quali sono i titoli di studio in Italia più ricercati

Titoli di studio, quali sono i più ricercati nel mondo del lavoro?

Quali diplomi vengono ricercati maggiormente?

La grande domanda che tutti si pongono ad un certo punto è proprio questa, quale scuola superiore devo scegliere per trovare poi un lavoro? Oggi affronteremo quali sono gli istituti superiori maggiormente richiesti nel mondo del lavoro, sicuramente negli ultimi anni i titoli di studio più ricercati sono nel campo degli istituti professionali, sia biennali che cinquennali. Per la maggiore vanno gli indirizzi di ristorazione, un campo sempre molto attivo e con svariati sbocchi lavorativi. Ma anche l’indirizzo meccanico viene ricercato molto, se infatti ci avete fatto caso la maggior parte degli annunci ricercano tecnici meccanici. Succede però che a volte si scelga il percorso scolastico per noi inadatto, in questo caso non bisogna preoccuparsi troppo, quasi in tutte le scuole si può fare il recupero degli anni scolastici per cambiare il percorso di studi e ottenere un titolo più ricercato nel mondo del lavoro.

Quale percorso universitario ha più sbocchi lavorativi?

Il campo economico negli ultimi anni è uno dei titoli di studio più ricercati ma non solo, anche il marketing e la finanza. Seguono a ruota le lauree relative all’insegnamento, poco più lontane si trovano le lauree in medicina, in lingue e ingegneria elettronica. Il percorso che sceglierete a livello di laurea sarà fondamentale per il vostro ingresso nel mondo del lavoro. Una scelta scorrette potrebbe quindi crearvi problemi durante la ricerca del lavoro e compromettere la carriera professionale, oggi giorno le aziende guardano molto i titoli di studio in possesso.

Osserviamo più da vicino alcuni titoli universitari

Un esempio possono essere le lauree nel settore sanitario, chi è in possesso di una laurea in scienze infermieristica e ostetricia, come medicina generale e chirurgia troveranno lavoro molto più facilmente rispetto alcuni indirizzi sanitari.
Se invece osserviamo le lauree linguistiche noteremo che si ricercano molto i laureati in lingue orientali e arabe. Il commercio ci porta a dover conoscere queste lingue, fino ad ora un po’ sottovalutate ma che nel giro di pochi anni saranno di fondamentale importanza. Anche gli interpreti e traduttori avranno molte porte aperte davanti a loro, la conoscenza linguistica negli ultimi anni ha avuto un grande riscontro positivo a livello lavorativo.
Se la vostra scelta ricadrà sull’ingegneria elettronica avrete un ampia scelta di posti lavorativi davanti a voi, infatti uno dei titoli di studio più ricercato è proprio questo. Ormai tutto nella nostra quotidianità è elettronico e le aziende sono sempre alla ricerca di tecnici specializzati, cosa che non ci sorprende visto che l’Italia è seconda in tutta Europa a livello di manifattura. Un altro punto a vostro favore potrebbe essere anche la scelta di diventare un progettatore di software o un programmatore informatico. La creazione di software e applicazione è uno dei ‘boom’ degli ultimi anni. Vi piace invece giocare ai videogame, perché non diventare un progettatore? L’ottica dei videogame oggigiorno sta spopolando, quindi magari potete unire la vostra passione al lavoro.

Quali sono invece i campi universitari in calo?

Vi stupirà sapere che in Italia a livello lavorativo sono nettamente sotto la media le lauree riguardanti le scienze politiche, la storia, la biologia e la filosofia. Tra i casi peggiori però troviamo la laurea in giurisprudenza. Degli studi hanno constatato che chi ha conseguito una laurea in giurisprudenza dopo ben tre anni più della metà dei laureati non ha trovato lavoro. i più fortunati che hanno trovato un posto lavorativo però rimangono amareggiati dal lato economico, con un reddito poco sopra ai mille euro mensili. Questo però non deve farvi arrendere, se questa è la vostra passione e siete nati per questo lavoro non fatevi abbattere da queste statiche. Non si può mai sapere come gira il mondo del lavoro, quindi non abbattetevi e lottate per quello in cui credete. Infondo tutti almeno una volta nella loro vita avranno bisogno di un avvocato o di un giudice.